Il wi-fi in casa nuoce alla salute?


No, stando alle attuali risultanze degli studi epidemiologici sulle radiazioni elettromagnetiche. I comuni router infatti emettono con potenze molto basse, di norma 100 milliwatt, molto inferiori per esempio a quelle dei telefoni cellulari (circa 1 watt in standby).
In pratica significa che già a 50 centimetri dal punto di origine la potenza del segnale è misurabile solo con strumenti estremamente sensibili: tanto è vero che a volte un solo apparecchio WiFi non riesce a coprire tutte le stanze di una casa con il proprio segnale.
La possibile pericolosità delle radiazioni elettromagnetiche del wi-fi è stata considerata non rilevante da parte dell’Organizzazione mondiale della Sanità. In un documento del 2006 si legge che: tenuto conto dei livelli di esposizione molto bassi … non ci sono prove scientifiche convincenti che le emissioni elettromagnetiche da apparati wireless abbiano effetti dannosi sulla salute.

  1. Nessun commento ancora.
(non verrà pubblicata)